Questo blog è stato un progetto a cura di Fabio Milocco, da molti anni ormai il blog non è più aggiornato anche se liberamente consultabile.
Le opinioni espresse negli articoli rispecchiano quanto l'autore ha pensato in quel tempo, non è detto che rispecchino l'attuale idea sulle cose. Grazie della comprensione.

Cerca solo in siti cattolici o sul web! (suggerimenti ben accolti!)

domenica 15 gennaio 2012

Sfide per i cristiani di oggi

La circolazione globale e istantanea dell'informazione ci fa essere oggi più coscienti di quanta è la sofferenza nel mondo, di quanti problemi affronta l'umanità. L'elenco che trovate qui è stato scritto in gran parte grazie a Zenit, un ottimo servizio di informazione cattolica. Ogni battezzato è chiamato a mettersi in gioco con questi temi.
Ho voluto iniziare questo 2012 con questo articolo e non con un tema in particolare perché ognuno si senta spronato a evangelizzare (vivere e testimoniare il Vangelo e cambiare vita in forza di questo annuncio) secondo le sue possibilità e il suo carisma. Ma andiamo subito al sodo, ecco l'elenco:

  • la povertà di masse di nostri fratelli e sorelle che vivono nella miseria o non conoscono altro che sofferenza e sfruttamento;
  • la ancor più profonda povertà di non conoscere Cristo, che secondo Madre Teresa di Calcutta è "la prima povertà dei popoli" e non risparmia alcun angolo della terra;
  • le guerre;
  • le ingiustizie, la crisi morale e le "strutture di peccato" che possono anche dare l'impressione di essere ineluttabili e inestirpabili dal mondo complesso in cui viviamo;
  • l'aggressione alla vita, dal concepimento alla sua fine naturale;
  • la crisi della famiglia, insostituibile cellula fondante di una società sana e prospera;
  • il relativismo culturale e morale che fa perdere il senso della ricerca e dell'esistenza della verità;
  • lo squilibrato e miope rapporto con la natura, a volte sfruttata selvaggiamente, a volte "idolatrata" e paradossalmente oggetto di attenzioni ben maggiori rispetto a quelle riservate all'essere umano;
  • i fratelli e le sorelle che soffrono per le malattie;
  • uno sviluppo scientifico e tecnologico che vuole andare avanti, ad ogni costo e in qualsiasi direzione possibile, senza porsi in alcun modo il problema che l'etica dei comportamenti umani debba invece imporre dei limiti;
  • i fratelli e le sorelle che ancora muoiono martiri in tante parti del mondo per testimoniare e portare Cristo;
  • l'aggressività, l'ostilità e la censura che talvolta vengono riservate al Papa e alla Chiesa nell'annuncio del messaggio di verità e amore del Vangelo;
  • la crisi economica che sembra togliere orizzonti di speranza a tantissime persone.
  • ignoranza culturale
    • ignoranza del pensiero della Chiesa sulle questioni (omosessualità, sesso..)
    • ignoranza storica e sguardo anticlericale (quindi non oggettivo) su fatti storici (crociate, inquisizione, galileo…) 
  • ignoranza spirituale
    • ignoranza della Parola di Dio
    • deserto interiore di fronte all'annuncio di Salvezza di Gesù

Di fronte a tutto questo, noi cristiani come me ci poniamo?

È vero che viviamo tante difficoltà, ma è anche vero che, proprio dove ci sono degrado e vuoto di valori, gli uomini hanno grande sete di Cristo e del Suo insegnamento. E allo stesso tempo il mondo di oggi offre tante opportunità!

Come ci insegna la "Gaudium et Spes", il mondo ci presenta motivi di tristezza ma anche molti motivi di gioia, e cioè i semi di vita, verità e amore, molte volte silenziosi, che le persone di buona volontà coltivano in tutti gli angoli del pianeta, costruendo il Regno di Dio.

Che ci siano persecuzioni, problemi, sofferenze, ingiustizie è molto triste e tocca profondamente la nostra sensibilità umana, ma probabilmente è anche "normale". Ogni epoca, nella storia dell'umanità, ha dovuto affrontare e superare i suoi gravi problemi. Noi dobbiamo affrontare quelli di oggi!

Sono convinto che quello che ci vuole è un grande messaggio di speranza!

È il messaggio in cui tutti gli uomini possano sentirsi accomunati nella grande battaglia/missione che non è quella del fratello contro il fratello, ma quella di tutti e ciascuno contro il male, contro il diavolo. Sempre presente, anche se troppo spesso ci si dimentica di questo fatto.

È il messaggio che non si stancano di annunciare le schiere di donne e uomini di buona volontà in tutto il mondo, così come la Chiesa, il Santo Padre Benedetto XVI e i cristiani che cercano di mettere in pratica il Vangelo.

E il grande messaggio di speranza è Cristo stesso!

È il messaggio e l'esperienza di Cristo il cuneo che rompe il ghiaccio, che spazza via il male, che trasforma la vita delle persone... poi viene tutto il resto: la crescita umana e spirituale personale e di intere società. Dove è arrivato il cristianesimo tutto è cambiato: è cambiata la concezione della vita, è nata la scienza, è nata la giustizia...

Delle sfide di oggi dobbiamo essere i protagonisti! I cristiani sono da sempre la punta innovatrice delle società dove sono presenti, il Vangelo è la buona novella che esaurisce mai la sua forza innovatrice e salvifica: la promessa della felicità, quella vera! Il vero progresso è il Vangelo, non le teorie umane (economiche, filosofiche...) che in ogni nella storia nascono e muoiono perché non rispondono al bisogno di piena libertà (salvezza/felicità) dell'uomo (e come potrebbero parole umane fare questo??).

N.B.
L'importante è stare in grazia di Dio!

P.S.
Sentitevi liberi di aggiungere ulteriori punti all'elenco, oltre a fare commento sull'articolo in se.
--- --- ---
www.evangelizzazioneattiva.info
www.evangelizzazioneattiva.info/2012/02/sfide-per-i-cristiani-di-oggi.html