Questo blog è stato un progetto a cura di Fabio Milocco, da molti anni ormai il blog non è più aggiornato anche se liberamente consultabile.
Le opinioni espresse negli articoli rispecchiano quanto l'autore ha pensato in quel tempo, non è detto che rispecchino l'attuale idea sulle cose. Grazie della comprensione.

Cerca solo in siti cattolici o sul web! (suggerimenti ben accolti!)

venerdì 15 luglio 2011

Da facebook una discussione sull'omosessualità

Premessa: questo è un tema scottante non di per se, ma perché gli attivisti gay lo hanno ormai trasformato in qualcosa che non è: una battaglia per le pari opportunità, contro la dilagante omofobia ?? e contro la Chiesa (non ne ho ancora capito il motivo, ma si vede che va di moda..). Però in questo modo sono riusciti a far credere a tutti gli intellettuali atei ma in generale alla stragrande maggioranza delle persone (anche nel mondo cattolico purtroppo non mancano esempi) che sia una questione di diritti. E gli anticlericali non aspettano altro che pretesti per dare contro alla Chiesa e sui diritti, poi, si scatenano davvero tutti: pari diritti a tutti è il loro motto! Altrimenti sei un intollerante! E intanto non si discute della sostanza.. Intanto è diventato politicamente corretto dire che i gay pride (o l'appena avvenuto euro-pride) sono giusti, è un segno di democrazia e non si possono assolutamente mettere in discussione. Ma se loro calpestano diritti e libertà (articolo in fondo, quello su Toronto), va bene.
Ultima premessa: siccome non  mi piace la confusione, qui si parla di omosessuali e basta. Non come negli euro-pride in cui trans & co. vengono accomunati, come se fosse la stessa cosa.. Tristezza!
È un concetto giuridico comprovato che "la legge è uguale per tutti" significa che a comportamenti/persone diversi si può rispondere con leggi diversi.
Fine premessa.



Quando su Facebook vedo qualche spunto interessante di discussione non riesco a resistere: mi ci butto e commento! E spesso vengono fuori delle discussioni interessanti! Questo secondo me è uno dei buoni usi di facebook!

Veniamo al sodo, stavolta il mio raptus da commento mi è venuto leggendo "Secondo Giovanardi questa pubblicità offende la COSTITUZIONE. Condividiamola". Per vedere l'immagine in questione clicca qui.

Disclaimer:
1. Ho chiesto precedentemente ai partecipanti alla discussione il permesso di pubblicarla.
2. Ho scritto solo i nomi per correttezza, se volete dire qualcosa usate i commenti e se vorranno risponderanno. Non preoccupatevi, non ci sono due persone con il nome uguale, quindi nessun pericolo confusione!


Copio-incollo la discussione (integrale):

Branka: In verità è lui che offende la Costituzione perchè in essa si condanna qualsiasi tipo di discriminazione.

Fabio (io): Veramente qui si offende solo la dignità della famiglia...

Branka: Io credo che l'importante sia non discriminare ed essere persone rispettose, poi se sei gay, bello, brutto, magro, se fai parte di una famiglia etero o omo non ha importanza.

Fabio: Infatti io non discrimino nessuno, anzi! Siamo tutti figli di Dio, e quindi con uguale dignità :-)
Ma, oggettivamente, una "famiglia" omosessuale con dei figli non funziona. I figli devono avere, e ne hanno bisogno, di un padre e di una madre. Altrimenti se fosse uguale perché siamo diversi??

Branka: Secondo me l'importante è che il bambino cresca con amore e protezione, poi se a crescerlo è la madre sola, il padre solo, due donne o due uomini, una nonna, uno zio, è uguale. Quante famiglie etero fanno crescere i figli con traumi, senza farli ricevere le cose base, ecc ecc ? Troppe.
Per me l'importante è che le persone che decidono di crescere questi bambini siano sane di mente.
Questa è solo una mia opinione naturalmente.

Luca: opinione che condivido di nuovo...piuttosto che far crescere un bambino abbandonato in un orfanotrofio preferisco veredlo con una coppia gay, o lesbica...a patto che siano brave persone e siano equilibrate...non sarà la famiglia del "mulino bianco", ma è meglio risspetto ad un orfanotrofio, no? Non sempre si può perseguire il bene maggiore...in questi casi si deve perseguire il male minore...

Viviana (che ho condiviso il link): oooh i love you,my friends!!!!!!!:) si esattamente....x BAKY E LUCA: certo, si offende la costituzione xkè secondo l'articolo 3 della stessa, tutti i cittadini sono uguali e hanno gli stessi diritti e la stessa dignità indipendentemente da sesso, religione, condizioni personali...etc. in secondo luogo.. sono d'accordo anche sul fatto che meglio una famiglia fatta da una madre o solo un padre o 2 madri o 2 padri che orfanotrofio(casa famiglia) o famiglie apparentemente perfette che poi nascondo abusi, repressioni, e non danno amore. è certo che sarebbe meglio la classica famiglia, ma tutto dipende dall'educazione che viene data ai figli, se include le cure di entrambe le parti o non ne ha proprio....è una cosa scontata!........X FABIO: non offende la dignità della famiglia...oggi una famiglia è anche solo la madre con il figlio o solo il padre con il figlio...la dignità della famiglia è offesa dalle finte pure famiglie che mi ripeto nasconodo vergogne al loro interno...violenza, paura, abusi.... questo è il mio e il loro punto di vista... cmq, non è detto che una famiglia formata da genitori omosessuali non funzioni, non è una cosa così scontata!anzi!e ripeto, sarebbe meglio etero ma in certi casi meglio questa che di peggio,cm dice luca. e poi se siamo tutti di uguale dignità davanti a Dio, non giudichiamoli!!!

Branka: E poi ci sono molte famiglie in cui la madre o il padre sono quasi inesistenti, nel senso che non interagiscono coi figli, non comunicano, ecc. E' come quindi se non ci fossero. Questo non va bene. Oppure va bene solo perchè magari questi rispettano la famiglia tradizionale?
Usciamo da questi schemi perchè un essere umano non può vivere di tradizioni e apparenze tutta la vita. L'essere umano è qualcosa di ben più complesso che ha bisogno di essere analizzato individualmente.

Silvia: mi permetto di introdurre la mia opinione, che come vivi immaginerà è concorde con quella di fabio.Per me la famiglia deve avere una madre e un padre e questo non per tradizione (che in questo caso secondo me non c'entra proprio nulla) ma semplicemente perché è un fatto naturale: i bambini nascono dall'unione di un uomo con una donna segno di pieno amore e per me basta ricordarsi di questo per capire che un bambino ha bisogno di papà e mamma e non di un uno solo o di due uguali. Detto questo non ritengo giusto giustificare le coppie omosessuali con figli semplicemente guardando alle famiglie disastrate, mi spiego meglio: è vero che ci sono tante famiglie che non funzionano ma non bisogna dire meglio famiglie omosessuali con amore che famiglie disastrate, io sono per meglio una famiglia "tradizionale" che funziona bene dove i bambini crescono nell'amore..in altre parole direi che non accetterei compromessi in questo campo e punterei piuttosto a sanare le famiglie "malate".

Viviana: sempre che sia possibile sanare....non è così facile rieducare un padre violento alcolizzato o pazzo che abusa di madre e figli....o madri depresse e pericolose xkè magari dipendenti dalla droga e che hanno avuto figli così x caso.... io mi chiedo,anzi ti chiedo, se non hai una famiglia tradizionale che funziona?dove lo metti il bambino?nella casa famiglia?senza riferimenti fissi e cresciuto tra estranei? o lo faresti adottare da una coppia di PERSONE che saprebbero dargli amore e cure cm chiunque altro(genitore e non)...molto meglio sotto un tetto sicuro che nella casa famiglia...vabè, ma sn punti di vista diversi.... x noi educatori è impo certo la rieducazione...ma non si possono fare miracoli...anche xk ne esistono tnte di famiglie disastrate... cmq anche tra omosessuali c'è amore, tnto quanto eterosessuali..non possoo avere figli x natura ma non per questo non posono avere una famiglia...c'è xkè etero si e omo no?? chi lo decide?in una fam non conta l'amore e la cura?o conta il sesso dei genitori?è molto meglio una famiglia tradizionale certo, sn d'ccordo..ma nel caso in cui non ci fosse, non toglierei questa opportunità a una famiglia un po' diversa dalla tradizione...

Branka: Un bambino ha bisogno di amore, protezione e persone normali. Cosa importa poi se è il nonno, la zia, la madre sola, padre e padre a crescerlo

Viviana: bo...a me sembrano cose scontate!!

Branka: A me pure. Bisogna essere fessibili e realisti.

Viviana: Chiedi troppo!:D

Branka: Naaa... ;) Come dice Obama "In change we can belive". Ahahaha...

Silvia: io credo di essere molto realista, e anzi forse un po' le illuse siete voi, nel senso che forse non pensate tra l'altro a quello che dovrà sopportare questo bambino quando andrà a scuola: i bambini sanno essere davvero perfidi, ci pensate a tutte le prese in giro e gli insulti che potrebbe ricevere questo bambino x il fatto di avere due genitori omosessuali??..x me c'è anche questo punto da tenere in considerazione..potrà sembrare sciocco ma x me non è da sottovalutare..

Branka: Ebbene sollevi un altro problema! Il fatto che i genitori inculchino ai bambini che gli omosessuali, i neri, ecc ecc siano dei mostri. Qui sta il punto!!! I bambini non sono cattivi, se hanno dei pregiudizi è solo colpa dei grandi. Io non sono illusa perchè lo conosco perfettamente questo problema. Ma si apre un'altra grande questione. Troppa ignoranza, troppo razzismo, troppi pregiudizi. Ma al posto di scappare da questo problema bisognerebbe risolverlo. Quindi evviva le famiglie miste e non più solo tradizionali! Così tutti iniziamo ad abituarci a qualcosa di nuovo e del tutto normale alla fine!

Silvia: di nuovo sicuramente..del tutto normale direi di no mi dispiace..non credo potrò abituarmi a questo..ritengo la famiglia un
valore troppo importante e non credo abbia bisogno di modifiche a livello strutturale, credo piuttosto che si debba riscoprire il valore della famiglia e rivalorizzarlo, aiutare le famiglie, rieducarle affiancarle nel difficile compito dell'educazione.

Branka: Certo che bisogna aiutare le famiglie in difficoltà! Io non dico di essere contro la famiglia tradizionale. Ovviamente! Ma come non sono contro la famiglia tradizionale, così non sono contro le famiglie "nuove" cosidette. Per me l'importante è che i bimbi ricevano amore e protezione.
Sono opinioni diverse le nostre, l'importante è scambiarsele e accettarsi lo stesso anche se non si è daccordo.

Silvia: si certo su questo non c'è dubbio..il rispetto prima di tutto!!

Branka: Se c'è un rispetto di base nei confronti di tutti si potrebbero risolvere tante di quelle cose. Purtroppo al giorno d'oggi è un'utopia questa.

Viviana: io penso che in coclusione noi siamo d'accordo sul fatto che sia meglio una famiglia tradizionale(madre e padre che amano e curano il figlio) che una famiglia "nuova" x quanto riguarda la crescita del bambino(opinione degli altri bambini e riferimenti affettivi), siamo d'accordo sul fatto che è necessario rieducare le famiglie malandata,aiutarle e affiancarle...questo è difficile, e noi studiamo x essere un po' più preparati all'educazione. non siamo d'accordo sul fatto che anche una coppia omosessuale che adotti un bambino possa essere una buona famiglia x lui...ma quindi, x voi è meglio la casa famiglia alla famiglia omosessuale?sempre che in casa famiglia ci arrivi, xkè non sempre i minori malandati vengono recuperati da operatori sociali(ahimè)....

Fabio: Tanto per cominciare vi invito a una profonda riflessione sul tema dell'omosessualità, perché mi pare abbiate le idee abbastanza confuse e condite di "libertà e diritti": Testimonianza di un omosessuale

Per Viviana (ho ripreso alcune cose che hai detto)
"non possoo avere figli x natura ma non per questo non posono avere una famiglia...c'è xkè etero si e omo no??" Viviana mi pare di notare un controsenso in quello che dici. L'unica via sarebbe l'adozione sembrerebbe (per non parlare delle altre tecniche da uomo piccolo dio).

"oggi una famiglia è anche solo la madre con il figlio o solo il padre con il figlio" Questo non vuol dire che vadano bene, queste sono situazioni che sono venute a posteriori (divorzio, morte del coniuge..). Una situazione brutta non giustifica all'arresa verso soluzione forse ancora più negative.

A me sembra che a furia di voler essere portatrici di diritti a destra e a manca dimentichiate di cosa si sta parlando.. Una famiglia omosessuale ha una stabilità di coppia che può essere paragonata alla stabilità della terra durate un terremoto. Non è per essere pessimista, ma è così. La stragrande maggioranza degli omosessuali che si mettono insieme (perlomeno degli uomini, forse nelle donne è in percentuale minore) lo fanno solo per il sesso. E quindi capisci bene che.. Secondo me se andiamo a vedere le statistiche di quante sono le coppie omosessuali che negli ultimi cinquant'anni sono durate fino alla morte le possiamo contare sulle dite di una mano. Quindi aprite gli occhi sul problema e togliete l'infarcitura da "tutto è uguale". Non è così, c'è poco da fare. Ci sarà un motivo se siamo stati creati uomo e donna. O poi arriva la super geniale mente umana e cambia tutto?

E poi Viviana, mi sorprendi: tu che studi per diventare educatrice non cogli il bisogno educativo di avere un padre e una madre?? Questo è fondamentale per la corretta crescita dell'affettività del bambino. Ma del bambino qui mi pare se ne freghino tutti, l'importante è dare diritti a destra e a manca. E non continuare a dire: ma ci sono famiglie disastrate. È come dire che c'è la guerra e invece di continuare a lottare per la pace ci arrendiamo al fatto che c'è. Sono situazione particolari quelle delle famiglie disastrate.
Purtroppo oggi c'è un'emergenza educativa tale che la CEI (Conferenza Episcopale Italiana) ha deciso di indirizzare i propri sforzi per i prossimi dieci anni nel campo dell'educazione. (leggi il libro "La sfida educativa"). Ma questo è un altro discorso.

@Branka
"Bisogna essere fessibili e realisti." Ok, può anche darsi che ci si trovi costretti a dare in adozione un bambino a una coppia omoessuale, ma oggi la fila di Famiglie in attesa di un bambino da adottare è lunghissima e non calano mai. Quindi il problema non si pone. Invece invito a essere a scontrarvi con la realtà dei fatti e non parlare di diritti uguali per tutti senza sapere chi sono questi tutti.

"Quindi evviva le famiglie miste e non più solo tradizionali! Così tutti iniziamo ad abituarci a qualcosa di nuovo e del tutto normale alla fine!" Il fatto che possano esistere unioni di questo tipo sono eccezioni, anche perché dall'omosessualità in molti casi è possibile uscirne (un po' come per le sigarette, ci vuole grande volontà). Ma sentitevi il video che ho messo all'inizio inizio.

"Se c'è un rispetto di base nei confronti di tutti si potrebbero risolvere tante di quelle cose. Purtroppo al giorno d'oggi è un'utopia questa." La Chiesa, il Cristianesimo, stanno combattendo da secoli questa cosa e pian piano ha dato i suoi frutti: pensiamo ai bambini, alle donne, agli schiavi.. Sugli omosessuali è uguale, essendo Figli di Dio è OVVIO che hanno pari dignità. Se vi vedete il video si capisce chi è che li discrimina veramente.

Viviana leggendo il tuo ultimo commento dovrei cambiare alcune cose che ho scritto, nel senso che leggevo e commentavo contemporaneamente..

Siccome penso che una coppia omosessuale non sia una buona famiglia se non in rarissimi casi (ma della serie, più unici che rari); ne concludo che sia meglio una casa famiglia. Dove, probabilmente, ci finirebbe comunque visto che gli omosessuali si lasciano e si mettono insieme con molto libertà. Anche se, forse, con la responsabilità di dover crescere un figlio si darebbero una calmata. Ma è un rischio molto grosso.
Avendo presente i bambini della casafamiglia dove lavoro, penso che in una famiglia omosessuale schizzerebbero perché hanno bisogno di due figure genitoriali ben distinte. È inutile cercare scappatoie, questa è la realtà dei fatti.
Inoltre ripeto quello che ho scritto qualche riga più su: la fila di Famiglie che vogliono adottare un bambino è di gran lunga superiore ai bambini adottabili (anche a me sembra una cosa assurda, ma è così), quindi il problema non si pone nemmeno. Io tendo a essere molto realista e pratico, le fantasie se volete ve le lascio a voi.

Silvia: ottima riflessione fabio!!concordo pienamente con tutto ciò che hai detto!!..l'altra sera cercavo le parole x esprimere tutto ciò ma causa la fretta non mi venivano in testa!!=)

Viviana: oh mamma mia...ci vuole un mese x risp a tutto:) ho la tentazione di risponderti a voce...mi stamperò il tuo commento!!peccato che non possa risp Branka in classe.... ma in sintesi: non leggere SEMPRE TUTTO con gliocchi del cristianesimo e di Dio, leggile con gli occhi di fabio!!! e secondo libertà è diritti non sono condimenti ai nostri pensieri ma sono i principi cardine che definiscono i nostri pensiere!!del resto...o + tardi o a voce:)

Branka: Fabio, il fatto che tu abbia detto che gli omosessuali stanno insieme solo per il sesso è fuori luogo perchè chi te l'ha detto? Come fai a dire con certezza una cosa del genere? Come molti etero stanno insieme solo per sesso, così molti omo. Tutti, etero ed omo, hanno sentimenti e nel momento in cui ci si innamora e si decide di avere una famiglia credo che sia gli uni che gli altri si comportino ugualmente.
Sempre Fabio, non sei la persona giusta che può dire che abbiamo le idee confuse e cose simili. Io non dico che tu hai le idee confuse solo perchè in parte non concordo con te. Non mi permetto di farlo perchè non ti conosco, sono tua coetanea e non vado a propinarti video o robe simili per inculcarti certe cose o insegnartele.
Io la mia profonda riflessione sul tema dell'omosessualità la faccio ogni giorni secondo i miei principi e la mia educazione e le mie idee.
Questo è solo uno scambio di opinioni, è un confronto tra persone che la pensano diversamente o quasi. La mia parola non vale più della tua, come la tua non vale più della mia e così vale anche per Silvia e Viviana.
Concludo, è stato un confronto molto interessante e molto divertente ;)

Fabio: Sono d'accordo con te, anche se io pesco la mia verità in un pozzo ben più profondo del tuo. Detto questo è vero che posso sbagliare ma il mio intento, dicendo certe cose, era solo dare un peso e sottolineare (cose che a voce si farebbero con i gesti). Non volevo risultare scontroso, se leggendo lo sembro scusate :-)

Non ho proprio detto che gli omosessuali stanno insieme solo per il sesso, però prova a toglierlo e vedremo cosa rimane. Purtroppo ben poco. Ecco perché se ascoltassero il consiglio della Chiesa, secondo me vivrebbero più felici. Ma questa è una scelta loro.

Siete d'accordo se pubblico questa discussione sul mio sito nei commenti? Mi sembra bello poterla salvare e non lasciarla cadere nell'oblio di facebook..

Branka: Ah si? Il tuo pozzo è più profondo del mio? E dove sta scritto?

L'affermazione "Non ho proprio detto che gli omosessuali stanno insieme solo per il sesso, però prova a toglierlo e vedremo cosa rimane. Purtroppo ben poco" è brutta proprio. Ma che vuol dire scusa?

Pubblica dove vuoi.

Fabio: Voglio dire che se da un rapporto di coppia togli il sesso e il rapporto va avanti come se niente fosse allora vuol dire che l'amore è vero e non è concupiscenza. La famosa castità cristiana, ma su questo ci sono libri interi e non te lo spiego di certo io in poche righe.

Io cerco di tirare fuori la verità con la mia testa, ma mi baso su Gesù (nientepopodimenoche il figlio di Dio). Tu (e non solo tu) usi "solo" la tua testa ;-)
Nel senso che io un'ancora fissa ce l'ho, so dove andare a pescare in caso di dubbio. Chi meglio del Padre conosce il figlio?

Branka: E vuoi dire allora che gli omosessuali sono in grado di fare solo del sesso e non di amarsi? Vuoi dire questo tu, giusto?

Tu pensi che chi ragiona secondo religione, fede o come la chiamate è superiore praticamente...?
Ognuno nella vita sceglie se appoggiarsi su Dio, su se stesso, sulla scienza, ecc ecc. Sceglie quello che gli dà più forza. Io, ad esempio, non mi appoggio su Dio perchè non ci credo, credo in altro, altro mi dà forza, altro mi dà risposte, altro mi toglie dubbi. E non mi sento affatto vacante di qualcosa o più vuota dei credenti. Tu per me non sei nè superiore nè inferiore se ti appoggi a Dio.
La verità in tasca non deve averla nessuno, un'unica verità non esiste e chi crede il contrario è un grandissimo arrogante.

Fabio: ‎"La verità in tasca non deve averla nessuno, un'unica verità non esiste e chi crede il contrario è un grandissimo arrogante." Rasenta la definizione di relativismo!! ahahah
Io sinceramente mi rifiuto di vivere in un mondo dove non esiste la certezza della verità. Se dopodiché tu rifiuti la verità, cioè che Dio c'entri con la nostra vita è responsabilità tua..
In ogni caso non mi considero superiore, perché siamo tutti uguali in virtù del fatto che siamo figli di Dio. Semplicemente ho non ho solo la fallace ragione umana a sostenermi ;-)

Sarei curioso di sapere cos'è questo altro.. Non dirmi la scienza perché mi metto a ridere. Io dico grazie al Cristianesimo che l'ha fatta nascere nella sua concezione moderna, ma la scienza più di teorie non sa dare altro. Guai se non ci fosse, perché sappiamo molte cose e risolve un sacco di problemi. Anche se per dirla con Popper (filosofo della scienza): per ogni problema che risolve ne crea un altro.

Fra l'altro non ho mai detto che gli omosessuali non sono in grado di amarsi, leggi meglio quello che scrivo. Ho detto che purtroppo molti basano sul sesso il loro rapporto (non so perché, mi fido delle testimonianze che ho sentito). In virtù di questo ho detto: dovrebbero iniziare a farsi cambiare il cuore dalla Parola di Dio, e quindi ascoltare gli amorevoli consigli che la Chiesa da sul modo di vivere. Anche perché chi l'ha fatto è contento e non tornerebbe indietro.

Branka: Come molti etero stanno insieme stanno insieme solo per sesso, altrettanti omosessuali. Dipende dalle persone e non dal fatto se si è omo o etero.

Io non dico che non ricerco delle certezze ma innanzitutto le cerco dove scelgo io di cercarle e poi tengo sempre conto delle mille interpretazioni che ci possono essere a seconda delle persone, delle situazioni, ecc.

Ma tesoro mio, ti è tanto difficile arrivare al fatto che al mondo esistono credenti e non credenti? :D Tu credi, io non credo. Punto. Ognuno fa le proprie scelte.
E' come scegliere di mangiare vegetariano o no.
E' come scegliere di avere un cane piuttosto che un gatto.
E' come scegliere di studiare Storia piuttosto che Informatica.
Nessuno è superiore nè inferiore a nessuno.
Voi credenti vi arrogate il diritto di credere che solo chi crede in Dio è un figo e gli altri sono dei poveretti che devono ancora scoprire cosa è la vita. Io mica penso che tu non sai come vivere solo perchè credi in Dio? Non me ne frega niente perchè tu hai fatto una tua scelta.
Tu invece si. Pecchi di arroganza.

Fabio: Spero che prima o poi riuscirai a incontrare Gesù, è veramente una figata!!
Ci sono tante testimonianza circa questo incontro improvviso con Gesù. Il primo penso sia stato a Saulo (poi Paolo), quello che uccideva i cristiani e poi è diventato uno dei maggiori evangelizzatori. Ma anche gente semplice che non si interessava o viveva proprio all'antipodo che racconta come un incontro, una frase, uno sguardo lo abbia convinto a iniziare un cammino di fede. Però il cuore deve essere in cerca di qualcosa di grande..

È che vedi, mi è difficile non parlare in questi termini di una cosa bella che vivo ogni giorno.

Per concludere rispondo alla tua domanda: si, mi è difficile capire questo perché penso che ci siano i credenti in Dio, i credenti in altri dei (mono o politeisti che siano), i credenti in cose materiali, i credenti in se stessi ecc. ecc. L'uomo non può fare a meno di credere in qualcosa. Chi non crede a Dio non è perché non crede (non puoi non credere a qualcosa che esiste), ma perché rifiuta di credere. Rifiuta inoltre che c'entri qualcosa con la sua vita.

P.S.
Non è per niente come scegliere un piatto di pasta piuttosto che di sugo.

Branka: Anche incontrare me è una figata, sai? :DDD
;)
Ma io non ti critico o giudico affatto per quello che tu vivi ogni giorno da credente. Posso solo essere contenta se qualcuno sta bene, ha trovato una via d'uscita ai problemi, un appoggio, ecc.
Io potrei anche iniziare a credere che esista Dio ma innanzitutto non è una cosa che sento nè aspetto e poi ho trovato altro che mi fa stare bene e mi dà risposte.
Sono scelte, è questione di educazione, di esperienze di vita, di carattere.
Io sto bene così, tu stai bene così, quindi che bisogno c'è di dire a te o dire a me "Eh ma sai, c'è un modo migliore per...". No. Non ha senso... Il nostro scopo nella vita è cercare la felicità, la serenità. A me non renderebbe felice appoggiarmi su Dio, a te non renderebbe felice appoggiarti su quello a cui mi appoggio io. Perchè quindi cercare di strappare la felicità alle persone o la strada per raggiungerla?
Non condividiamo ma ci accettiamo lo stesso!

Silvia: solo una piccola considerazione..per me ha molto senso invece dire "Eh ma sai, c'è un modo migliore per..." perchè vuol dire che tu hai trovato qualcosa che ti riempie la vita e che ti da gioia e vorresti quindi che anche gli altri scoprissero questo qualcosa perchè pensi possa riempire anche la loro di vita, certo poi uno è libero di non prendere in considerazione questo consiglio..ma io credo sia gesto di amicizia e amore nel senso che tu vuoi bene ad una persona e vuoi farle provare quindi un'esperienza che per te è stata positiva e pensi possa esserlo anche per lei. Prendi me e fabio, entrambi veniamo da uno stesso gruppo di amici con una bellissima esperienza di Chiesa, di Dio e quindi cerchiamo di farla conoscere e perchè no anche vivere a Viviana ma solo perchè le vogliamo bene (correggimi se sbaglio fabio!)..io quindi lo vedo come un gesto d'amicizia non come arroganza o voler inculcare qualcosa..

Branka: Va bene Silvia, tu hai ragione però il tono di Fabio mi suonava diversamente. Dalle sue parole traspare che il massimo nella vita che uno può conoscere sia Dio. Il massimo per voi ma non per me. Voi potete parlarmi, dirmi, consigliarmi ma non con tono "tu devi ancora conoscere che significa vivere veramente". Io non vi prendo nè per sfigati, nè per fighi, nè per persone che devono ancora scoprire qualcosa... Vi prendo semplicemente come persone che hanno scelto di vivere in un modo diverso dal mio. Nessuno ha il diritto di dire "questo è meglio" "questo è peggio". Cero, tutti noi soggettivamente pensiamo che le nostre idee siano le più giuste, è normale. Però non per questo guarderò come inferiori le persone che non la pensano come me.
Il tono di Fabio ha fatto trasparire questo.

Viviana: MA WOOOOOW, QUESTE SI CHE SONO DISCUSSIONI TRA GIOVANI "INTELLETTUALI"...MI ECCITO!MI GASO!!!BELLO BELLO MI PIACE!!:) W LA LIBERTA' DI PAROLA!!! (OK esco dal discorso ma apprezzo mooolto!!)........cmq sia penso che negli ultimi due si è capito l'inghippo...il tono che Fabio usa è indubbiamente + forte di quello che usa Silvia nel senso che arrivano due messaggi diversi nonostante abbiano lo stesso contenuto!!detta da fabio è un'imposizione che fa trasparire in assoluto il senso di superiorità del "vostro mondo" inteso migliore del "nostro", e quindi fa sembrare che noi viviamo molto peggio di cm potremmo vivere con la verità cristiana....noi ci affidiamo semplicemente ad altre cose, che x noi sono fantastiche cm x voi è Dio..voi direte: è inconfrontabile Dio a qualsiasi altra cosa...ok, però sono semplicemente mentalità, approcci alla vita diversi...io personalmente sono molto pratica, schietta, concreta e quindi mi viene molto naturale affidarmi alla scienza, alla razonalità, a ciò che vedo +è che a un'essenza spirituale...ok? in secondo luogo credo che la mia educazione abbia giocato un buon ruolo nel senso che non essendoci mai stata tanta presenza di religione(c'era ma non era significativa) non mi sono mai posta il problema, anzi crescendo x me le cose erano sempre più palesi e ora sapete cosa penso. in fin dei conti i valori che noi abbiamo sono gli stessi: rispetto uguaglianza, solidarietà, libertà, dingità....ne abbiamo altri ma penso che questi siano quelli + essenziali nella vita umana dignitosa, non credete?? poi il modo in cui si mettono in pratica e la verità a cui ci si affida sono diversi....tutto qui!! FABIO: pubblica, xò sono curiosa di leggere il tuo INTRO :D:D:D:P "dialogo tra un filosofo, un cristiano e....." citando un'opera filodofica....


FINISH!!
Decisamente lungo, lo so. Però secondo me vale proprio la pena leggerlo! L'ultimo intervento è stato quello di Viviana anche se si sarebbe potuto continuare a lungo, ma un limite ci vuole!
Solo qualche considerazione e chiave di lettura finali: quando Viviana parla di una superiorità del mio mondo rispetto al loro non mi trova d'accordo. Viviamo tutti sulla Terra :) Solo che "loro" rifiutano Dio, Gesù e la Chiesa. Guai al cristiano che si metta a discriminare! Semmai la nostra evangelizzazione deve essere più.. attiva! Seconda cosa: si vede l'impostazione positivista nell'ultimo commento di Viviana, impostazione che vede la scienza come unico criterio razionale, certo e oggettivo di vedere le cose. Dimenticando che la scienza è nata grazie al Cristianesimo (all'opera della Chiesa insomma). Per non appesantire ulteriormente l'articolo, mi limito a dire che spero di riuscire ad affrontare l'argomento "scienza e fede" prima o poi. Anche se cercando troverete sicuramente ottimo materiale. Terzo e ultimo: i valori di cui parla hanno una differenza sostanziale rispetto agli stessi nati dal Cristianesimo, il loro significato e applicazione pratica cambia a seconda della persona. I valori cristiani, essendo basati su qualcosa di ben più alto, sono uguali per tutti quelli che li fanno propri: nella teoria e nella pratica (o perlomeno si sa dove arrivare per applicarli bene). Dire "cambiano solo nel modo in cui si mettono in pratica" cambia tutto. Pensate solo al valore della dignità umana, lasciata in mano a uomini che rifiutano Dio ti permette di uccidere i bambini nella pancia delle donne senza nessun problema. E questa sarebbe la dignità? Una persona che può essere uccisa senza problemi è una persona che ha dignità? Però..
Spero di essere riuscito a spiegare meglio l'argomento "omosessualità" con questi i tre articoli dedicati. Dopo averli letti non potete veramente più dire che la Chiesa è contro gli omosessuali e altri stupidaggini da perfetti ignoranti.

Concludo ricordandovi di pregare sempre per le intenzioni del Santo Padre :) Alla prossima!


Altri articoli e approfondimenti sul tema:
- Omosessuali si nasce? (video)
- Omosessuali in politica, non vedo perché no!
- «L'Omofobia? Una grande bufala» Parola di ex gay militante
- Cambiare si può
- Toronto, studenti costretti a lezioni di orgoglio gay
- "Luca era gay" e il tabù della conversione

Da questo sito:
- Omosessualità - Comprendere per rispettare
- Iniziativa Arcigay Udine - Manifesti contro l'omofobia