Questo blog è stato un progetto a cura di Fabio Milocco, da molti anni ormai il blog non è più aggiornato anche se liberamente consultabile.
Le opinioni espresse negli articoli rispecchiano quanto l'autore ha pensato in quel tempo, non è detto che rispecchino l'attuale idea sulle cose. Grazie della comprensione.

Cerca solo in siti cattolici o sul web! (suggerimenti ben accolti!)

lunedì 28 settembre 2009

Il male esiste? Perché Dio lo ha creato? (rivisto)

Un Professore universitario volle sfidare i suoi studenti con questa domanda. Dio ha creato tutto ciò che esiste? Uno studente coraggioso risponde, sì, lo ha fatto!

Il Professore dice, Dio ha creato ogni cosa? Sì, signore, replica lo studente.

Il Professore risponde, "se Dio ha creato ogni cosa, egli ha dunque anche creato il male poiché il male esiste, allora Dio è cattivo."

Lo studente rimase silenzioso dinanzi a tale risposta.

Il Professore era veramente felice di sé stesso e si vantava di fronte agli studenti poiché aveva provato ancora una volta che la fede cristiana era un mito.

Un altro studente alza la mano e dice, "Posso porle una domanda Professore? " Certamente, risponde il Professore.

Lo studente replica, "Professore, il freddo esiste? " "Che specie di domanda è questa? Certamente che esiste. Non avete mai avuto freddo? " ribatte il Professore.

Il giovane risponde, "in realtà Signore, il freddo non esiste. Secondo la legge di fisica, ciò che consideriamo freddo, è in realtà l’assenza di calore. Qualsiasi individuo o qualsiasi oggetto possiede o trasmette dell’energia. Il calore è prodotto da un corpo o da una materia che trasmette dell’energia. Lo zero assoluto (–273,15° C) è l’assenza totale di calore; tutta la materia diventa inerte ed incapace di reagire a questa temperatura. Il freddo non esiste. Abbiamo creato questa parola per descrivere ciò che proviamo se non abbiamo alcun calore.

Lo studente continua. "Professore, l’oscurità esiste? " Il Professore risponde, "certamente che esiste! "

Lo studente risponde, avete ancora torto Signore, l’oscurità non esiste neppure. L’oscurità è in realtà l’assenza di luce. Possiamo studiare la luce, ma non l’oscurità. In effetti, possiamo utilizzare il prisma di Newton per frammentare la luce bianca in molti colori e studiare le diverse lunghezze d’onda di ogni colore. Non potete misurare l’oscurità. Un semplice raggio di luce può fare irruzione in un mondo di oscurità ed illuminarlo. Come potete stabilire lo spazio che occupa l’oscurità? Misurate la quantità di luce presente, non è vero? L’oscurità è un termine utilizzato dall’uomo per descrivere ciò che accade in assenza di luce."

Concludendo, il giovane chiede al Professore, "Signore, il male esiste? "

Ora dubbioso, il Professore risponde, "certamente come l’ho già detto. Lo vediamo ogni giorno. È negli esempi quotidiani dell’inumanità dell’uomo verso l’uomo. È nella moltitudine dei crimini e delle violenze ovunque nel mondo. Queste manifestazioni non sono nient’altro che del male!"

Lo studente risponde, "il male non esiste Signore, o almeno non esiste di per sé. Il male è semplicemente l’assenza di Dio. È come l’oscurità ed il freddo, una parola che l’uomo ha creato per descrivere l’assenza di Dio. Dio non ha creato il male. Il male non è come la fede, o l’amore che esiste come la luce ed il calore. Il male è il risultato di ciò che succede quando l’uomo non ha l’amore di Dio nel suo cuore. È come il freddo che viene quando non c’è nessun calore o l’oscurità che viene quando non c’è nessuna fonte di luce. "

Il Professore si siede. Il nome del giovane?
Albert Einstein


Mi sembrava bello iniziare con questo brano, vi do una piccola chiave di lettura: il male esiste, ma è vero che quando noi non abbiamo Gesù nel cuore la nostra vita diventa come sospesa su un filo: molto in bilico fra una scelta e l'altra. Perché se non abbiamo nessuna guida la strada la scegliamo da noi, ed è inevitabile andare a finire su sentieri sbagliati. Questo racconto invita a farci riflettere. Riflettere in tutte quelle occasioni in cui non ci accorgiamo della presenza di Gesù e andiamo avanti di testa nostra. Tornando al male: ho scritto che esiste. Ed è pure molto insidioso, è come un assedio continuo al nostro cuore e purtroppo lo facciamo entrare dalla porta principale troppo spesso. A tal proposito cito dalla lettera di San Pietro (1Pt 5,8-9) "Siate sobri, vegliate. Il vostro nemico, il diavolo, come leone ruggente va in giro cercando chi divorare. Resistetegli saldi nella fede, sapendo che le medesime sofferenze sono imposte ai vostri fratelli sparsi per il mondo." La Madonna ci da cinque consigli a tal proposito: preghiera con il cuore (rosario), Eucarestia, Bibbia, Digiuno, Confessione mensile.